Pane Vino & Zucchero

Queste deliziose ciambelline me le cucinava ogni tanto mia nonna; quando preparava l’impasto per gli gnocchi ne prendeva un po’ e lo addizionava con lievito, zucchero e scorza di arancia.  Le ciambelline sono buone appena fatte, quindi cuocetene la dose necessaria, se vi avanza l’impasto potrete sempre conservarlo in frigo per qualche giorno.

Ingredienti per 4 persone:
130g di patate (due piccole o una grande)
250g di farina + altra per la spianatoia
la scorza di un’arancia
10g di lievito per dolci
1 uovo
80g di zucchero semolato + altro per la guarnizione
Olio di arachide per friggere

Lessate le patate e schiacciatele in una ciotola con lo schiacciapatate, se sono ancora fumanti lasciatele intiepidire. Aggiungete uno alla volta gli altri ingredienti (farina, lievito, scorza d’arancia, zucchero e uovo).  Lavorate con le mani, magari spostandovi su una spianatoia leggermente infarinata. Continuate a lavorare fino a ottenere una pallina di impasto bel amalgamata che riporrete in frigo per almeno due ore. Una volta tolto dal frigo, stendete l’impasto dell’altezza di mezzo centimetro. Con l’aiuto del tagliapasta formate dei cerchi  e bucateli nel mezzo (come fossero degli occhi di bue di pastafrolla). Friggete le ciambelline in abbondante olio caldo giusto il tempo necessario per la doratura, devono essere completamente immersi e la temperatura dell’olio deve essere intorno ai 180° (poichè appena immergerete l’impasto calerà di almeno 20°). Se non avete il termometro apposito fate la prova con un cucchiaio di legno: immergetelo nell’olio e non appena si formeranno delle bollicine potrete cominciare a friggere. Scolate le ciambelline su della carta gialla assorbente e ancora calde passatele nello zucchero semolato.

LASCIA UN COMMENTO