Le basi: la pasta frolla

Nella tradizione culinaria italiana non può mancare la pasta frolla. Viene solitamente utilizzata nella preparazione di crostate e biscotti, ma anche come base di alcuni dolci simil-cheesecake. La sua preparazione è molto facile e, una volta imparato, anche veloce. Una volta provata non la mollerete più.

 E’ uno dei miei impasti preferiti e oltre a darmi enorme soddisfazione mi rilasso molto nel sentire sotto le mani il burro che si unisce alla farina. Il burro, quel magico ingrediente che dapprima rende l’impasto sabbioso, ma che poi per magia si amalgama perfettamente agli altri ingredienti fino a ottenere il risultato desiderato e strabuono. La frolla, come la pasta fatta in casa e il ciambellone, fa parte della tradizione della mia famiglia, mi accompagna fin dall’infanzia ed è una delle prime cose imparate in cucina. Sono quelle tipiche ricette che non studi ma che impari aiutando mamma e che riescono abbastanza bene fin dall’inizio perché lo hai visto fare tante volte e automaticamente ti ritrovi a emulare le stesse mosse della persona che hai osservato per tanto tempo. Queste sotto riportate sono le mie dosi “di sempre”, poi esistono varianti e non è mancata l’occasione di provare altre ricette che ho letto qua e la o che mi ha passato un’amica. Ma questa, rimane la ricetta della pasta frolla per eccellenza (almeno per me) .
Ingredienti:
250 g di farina
125 g di burro morbido tagliato a pezzettini
1 uovo intero
1 tuorlo
100 g di zucchero
Versate la farina a fontana su un piano (o in una ciotola per i meno esperti). Al centro mettete il burro, le uova, lo zucchero e una presa di sale, poi mescolate tutto con la punta delle dita. Il burro deve essere morbido e non sciolto altrimenti avrete problemi nell’amalgamare l’impasto. Continuate a lavorare gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla e mettetela a riposare in frigo per almeno una mezz’ora.
Un consiglio: cercate di lavorare velocemente l’impasto, anche se non risulterà subito liscio non vi preoccupate, dopo averlo fatto riposare basterà reimpastarlo un attimo per ottenere una frolla perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *