Come rendere speciale un uovo e il tartufo marzuolo

Arrivato il terzo mese dell’anno comincio a scalpitare, in attesa di giornate migliori, con qualche grado in più, per uscire di casa nel week end e abbandonare queste quattro mura alle quali sarò sicuramente venuta a noia. Classica conseguenza del mio desderio di fuga è la poca voglia di stare ai fornelli. Non fraintendetemi, io adoro cucinare, ma se d’inverno prediligo le lunghe cotture appena sento aria di primavera mi dedico a ricette molto più espresse. E questa ne è un esempio.
uova piselli asparagi e tartufo

Cominciamo subito (e bene) con questa insalatina tiepida di pisellini e
asparagi con scaglie di tartufo marzuolo. Se non conoscete quest’ultimo prodotto continuate a leggere e seguite il link sotto riportato. Mi è giunto all’orecchio che l’abbinamento
tartufo-asparago sia un po’ scontato, un po’ come dire che la marmellata è scontata con la pastafrolla o il cavolo nero nella ribollita. Non sono d’accordo. Ma ovviamente si tratta del mio pensiero personale. Io trovo che la classicità in cucina rappresenti sia un punto di partenza per nuove ispirazioni che di ritorno per non scordarsi mai delle proprie tradizioni e radici culinarie. Ho sempre saputo, fin da piccola, che il tartufo sta bene sui tagiolini, con l’uovo (barzotto, in camicia o al tegamino), con una tartara di carne e con gli asparagi. E questi sono solo alcuni esempi dei più “classici”; anche un buon purè aromatizzato al tartufo e servito con un filetto di manzo potrebbe rallegrare le mie papille gustative. Di conseguenza questo mio pranzo domenicale, preparato davvero in poco tempo, mi ha soddisfatto a pieno. Soprattutto per l’unione di sapori dell’uovo con l’asparago e il tartufo. Senza dimenticare di accompagnare il tutto con una buona fetta di pane cotto a legna da pucciare nel rosso d’uovo.      

Ma veniamo a noi, cos’è il Tartufo Marzuolo: è
un´altra specie di tartufo bianco, la cui denominazione deriva dal mese
prediletto per la sua raccolta, ovvero Marzo. Ha dimensioni
leggermente più piccole del suo fratello maggiore, il tartufo bianco, che cresce invece nei mesi autunnali, ed è comunque
molto stimato nel mondo dell´alta gastronomia oltrechè raccolto e
consumato in grandi quantità. Il suo aroma è penetrante e molto
persistente, un po´ piccante e agliaceo ma molto gradevole e può essere
cucinato nello stesso modo del tartufo bianco pregiato. Il suo periodo
di raccolta va dai primi di dicembre alla fine di aprile, ma può variare
di zona a zona. (potete continuare a leggere qui). 
uova piselli asparagi e tartufo

Con le dosi sono andata molto a occhio. Ancora non è tempo di piselli freschi, quindi potete utilizzare anche quelli surgelati. Compro pochissimi prodotti surgelati, questi ne sono un esempio insieme a quelli secchi che utilizzo essenzialmente per le zuppe. 

Fate rosolare uno spicchio di aglio in camicia in una casseruola, toglietelo e aggiungete i piselli, unite un goccio d’acqua e fate cuocere a fuoco moderato per circa un quarto d’ora. Nel frattempo lessate un mazzo di asparagi, di modo che risultino ancora un po’ croccantelli, e due uova barzotte (contate un uovo a porzione).
Per quest’ultime i passaggi sono pochi ma essenziali: mettete le uova in una pentola su fuoco medio con abbondante acqua fredda. Appena l’acqua comincia a bollire abbassate la fiamma (altrimenti gli albumi ne usciranno gommosi) e contante tre minuti. Trasferite le vostre uova in un contenitore con dell’acqua molto fredda e lasciate riposare per una decina di minuti. Picchiettate le uova col dorso di un cucchiaio affinchè il guscio si crepi; cominciate da uno dei due poli dove solitamente si forma una piccola sacca d’aria. Cominciate a sgusciare le uova aiutandovi con dell’acqua corrente. Fate il tutto con la massima delicatezza. 
In una padella antaderente fate scaldare un filo di olio, aggiungete i piselli e gli asparagi tagliati a tocchetti (lasciando integra la punta). Per la quantità dosatevi a piacimento. Fate scaldare per qualche minuto, salate e pepate. Adagiate la vostra insalata sul piatto di portata, adagiatevi sopra il vostro uovo e completate con qualche goccia di aceto balsamico e delle scaglie di buon tartufo marzuolo.
Solitamente aggiungo dello scalogno rosolato in padella all’insalata, ma il più del sapore in questo caso è dato dal tartufo.
uova piselli asparagi e tartufo

Colgo l’occasione per ricordarvi che il week-end del 14 e 15 marzo a Cigoli ci sarà la XVII Mostra Mercato Tartufo Marzuolo, trovate il programma delle due giornate a questo link nonchè tutte le informazioni per arrivarci. 

8 Commenti

  1. Rispondi

    Michela Sassi

    10 marzo 2015

    Amo questa stagione, il risvegliarsi della natura… e amo tantissimo la tua insalatina tiepida, molto fantasiosa e gustosa!
    Bravissima!

    • Rispondi

      panevinoezucchero

      16 marzo 2015

      Anche io amo i cambi di stagione, non mancano le idee e la voglia di fare nuove cose! E la cucina in questo ci lascia carta bianca per fare qualsiasi cosa!!

  2. Rispondi

    Anna Luisa e Fabio

    10 marzo 2015

    Bellissimo piatto e bellissime foto.
    Conoscevo tutti gli altri abbinamenti del tartufo, ma con gli asparagi proprio mi mancava. Devo recuperare!

    Fabio

    • Rispondi

      panevinoezucchero

      16 marzo 2015

      Prova Fabio. Tu riuscissi a trovare gli asparagini selvatici potresti preparare una omelette da sballo!! 😉

  3. Rispondi

    Laura

    11 marzo 2015

    oh anch'io non sono d'accordo: non esistono abbinamenti scontati soprattutto se buoni!e poi hai messo insieme i miei sapori preferiti: uova e tartufo che passione!!!Per non passare di quel 'letto primaverile' che ci hai messo sotto!Allora dove te ne vorresti andare?:-D

    • Rispondi

      panevinoezucchero

      16 marzo 2015

      Laura, meno male non sono la sola a pensare che non esistono abbinamenti scontati! Dove me ne andrei? La lista è lunga. Al momento avrei voglia di un week-end a Valencia, sul lago maggiore, a Franciacorta e di qualsiasi posto sulla costa dove respirare aria di mare a pieni polmoni!!!

  4. Rispondi

    Alessia Mirabella

    11 marzo 2015

    Ma tu sei un mostroooooo guarda come hai cotto bene quell'uovo lì!!! Fra, non esistono abbinamenti scontanti… sarà che uno degli ingredienti più importanti in ogni piatto è il nostro umore.. di conseguenza creiamo ogni volta un piatto diverso… Bravissima, davvero. P.s.Questa ricetta, appena ci vediamo, la prepariamo assieme?

    • Rispondi

      panevinoezucchero

      16 marzo 2015

      Hai proprio ragione, l'umore influenza tutto e noi lo sappiamo bene!!
      Appena ci vediamo ci sarebbe da preparare sai quante cose!!! Una lista infinita! ma una bella schiaccia con il prosciutto è d'obbligo!

LASCIA UN COMMENTO

RELATED POSTS