GRANITA ALLA PESCA

Ci sono vari modi per combattere il caldo: tenere al buio la casa, accendere il ventilatore, sventolarsi con un ventaglio, scappare in montagna, tuffarsi in piscina e….prepararsi “roba fredda” commestibile, che possibilmente rievochi viaggi estivi,  brezza marina e il rumore del mare.

Perché, diciamocelo, la voglia di vacanze si fa sempre più incalzante e, oltre a fare il conto alla rovescia al giorno della partenza, tornano alla mente tutti i viaggi passati e i luoghi dove vorremmo tornare. Ecco che improvvisamente vorrei tornare a Salina a mangiare un bel pane cunzato e a gettarmi in quel mare cristallino, o a Noto per una granita di quelle super, a Rovigno per fare aperitivo sugli scogli, in Grecia per tanti altri svariati motivi tra cui, ovviamente, il mare e il cibo. E invece quest’anno me ne andrò all’Isola D’Elba, che, sono certa, guadagnerà un posto in classifica tra i luoghi in cui voler tornare. A pensarci bene io ci sono già stata, ma avevo appena iniziato le elementari e ricordo che passai la settimana chiusa in casa con la febbre alta, per la gioia di mia madre. Quindi, sì, ci torno ma è come se fosse la prima volta. Mi ci immagino già con le infradito e un ampio vestito a fiori a girellare per l’isola. E voi dove andrete?

GRANITA ALLA PESCA

Ingredienti per 4 persone: 600g di pesche gialle o saturnine, 2 bicchieri di acqua, 200g di zucchero, il succo di un limone.

Procedimento: in una casseruola mettete a cuocere a fiamma molto bassa lo zucchero insieme ai due bicchieri d’acqua, portate a bollore e mescolate per circa 3-4 minuti. Ritirate e lasciate raffreddare. Sbucciate le pesche, eliminate il nocciolo e tagliatele a pezzetti. Frullate insieme le pesche, lo sciroppo e il succo di limone. Versate il composto in recipiente rettangolare dai bordi bassi, mettete in freezer per almeno 3 ore mescolando ogni ora per ottenere un composto granuloso. Se risulta troppo ghiacciata grattatela con una forchetta. Servite la granita nei bicchieri.

5 thoughts on “GRANITA ALLA PESCA

  1. Fra!!😍😍😍😍 Ricetta bellissima, foto fantastiche, progetti estivi molto molto azzeccati! Abbiamo così tante meraviglie in Italia. Non vedo l’ora di leggere il tuo post in merito sognando sugli scatti che ruberai a quel tempo che scorre così veloce. Tanti baci❤

  2. Se tu sapessi che gola mi ha fatto la tua granita… aspetto le pesche canadesi (non sto scherzano, giuro) e credo che me ne preparerò una vaschetta. Sulle mete estive non ti rispondo, quest’anno niente mare… ma l’Elba é sicuramente un’ottima scelta!

  3. Aleeee, bella mia! Io non vedo l’ora di partire e di tuffarmi in un mare blu! Secondo me anche voi col camper potreste andarci, ma non di agosto!! Tanto lo sai, appena tornata ti farò un resoconto dettagliatissimo!

    Marghe, lì ancora niente pesche? Oddio, ho appena controllato e dovreste avere intorno ai 20 gradi…che bellezza! Qui a Firenze stiamo boccheggiando e l’unico modo per resistere è mangiare e bere roba fresca! E pensare che ieri dal macellaio una signora anziana ha chiesto della carne per fare il brodo. “Coì cardo un c’è niente di meglio d’una minestra in brodo signori”, crediamoci. Abbiamo scelto l’Elba perchè non ci torno da quando sono piccola e poi perchè sono le ultime volte, spero, che potremo fare una vacanza in moto (capisci a me! 😉 ). Ma prima o poi sogno anche di andare oltreoceano!! Sognare non costa niente. 😉

  4. Ultimamente infileremmo le pesche ovunque, così succose e profumate…ogni spicchio racchiude l’estate!
    Bellissima la tua granita, da mangiare a occhi chiusi sognando il rumore delle onde!!
    Foto stupende, quel contrasto di colori è veramente azzeccatissimo! Buon inizio d’estate 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress spam blocked by CleanTalk.