Torta di mele e mandorle, senza burro e senza olio

Questo fine settimana sono stata, culinariamente parlando, molto pigra. Di solito la domenica cucino molto e cerco di avvantaggiarmi anche per la cena del giorno dopo, ma questa volta mi sono lasciata trasportare dalla giornata, tra un libro, un film e una torta di mele. Un defaticamento di cui avevo bisogno, tant’è che adesso vorrei che domani fosse di nuovo domenica per affrontare la giornata con uno sprint diverso. O forse, vorrei semplicemente che il week end durasse un po’ di più.

Dopo tutta una mattinata coccolata dal dolce far niente, forse per senso di colpa, decido che è l’ora di alzarsi dal divano e fare qualcosa. E tra tutte le cose che avrei potuto fare (e che ci sarebbero state da fare), il pensiero è andato subito a una torta di mele. Ma ovvio. In verità dopo aver pensato alla torta di mele l’angioletto sulla mia spalla sinistra ha tentato di ricordarmi che i panni sono ancora lì in attesa di essere stirati, ma se sto scrivendo questo post sappiamo tutti come è andata a finire. Questa torta, però, valeva la pena di essere preparata: soffice, con i pezzi di mela dentro a renderla anche un po’ umida, nonostante l’assenza di burro e olio. E’ una di quelle torte che finito un pezzo ne mangeresti subito un altro; è una di quelle torte imperfette ma perfette di cui si raccattano anche le briciole. E’ una di quelle torte che io cospargo di confettura a colazione o incarto per il caffè di metà mattinata in ufficio. E’ una torta che si fa voler bene e che con pochi ingredienti prepari in un attimo.

TORTA DI MELE E MANDORLE, SENZA BURRO E SENZA OLIO

dal libro: “Torte di mele” dei Calycanthus con piccole modifiche

Ingredienti:
150g di zucchero
100g di farina
100g di mandorle
10g di lievito per dolci
4 uova
3 mele (circa 450g, per me golden)
Succo di 1 limone
zucchero a velo

Tritate finemente le mandorle e mettete da parte. Sbucciate le mele togliendo anche il torsolo, dividetele in 4 e tagliate  poi a tocchetti regolari. Mettete in una ciotola con metà succo di limone. In una ciotola mescolate energicamente i soli tuorli con lo zucchero, unite poi il succo di limone rimanente continuando a mescolare fino a farlo assorbire totalmente. Unite poi la farina, le mandorle tritate e l lievito. Mescolate con l’aiuto di una spatola. Otterrete un impasto abbastanza duro. In un’altra ciotola montate a neve gli albumi. Un po’ per volta incorporate quest’ultimi all’impasto mescolando con la spatola dal basso verso l’altro, un po’ per volta. Vedrete l’impasto ammorbidirsi. Allo stesso modo unite le mele. Versate il composto in uno stampo a cerniera da 20-22 cm di diametro, che avrete precedentemente imburrato e infarinate o ricoperto con carta forno. Cuocete in forno a 180° per 40 minuti circa. (*)

(*) nel libro c’è scritto 1 ora

YOU MIGHT ALSO LIKE

  1. Rispondi

    Rebecka

    15 marzo 2018

    Sensi di colpa ne abbiamo? Certo, anche al cottage fioccano!
    E dove c’è torta di mele, ci sono anche io!!! 😛 Ma guardala!!! No dico, guardala!!! Dorata, morbida, umida al punto giusto, che si scioglie in bocca e ti dice prendine ancora.
    Io potrei rinunciare a tutti i dolci, forse pure alla cioccolata, ma ad un dolce con le mele, per banale che sia, non potrei mai e poi mai rinunciare.
    Ecco, tra un senso di colpa e l’altro, me ne prendo una fetta!

  2. Rispondi

    panevinoezucchero

    17 aprile 2018

    Rebecka perdonami, miero persa il tuo commento! Ma grazie! Dove c’è torta di mele c’è casa, per me! Quella dolcezza e morbidezza confortante….vale la pena avere i sensi di colpa! Un abbraccio!

    LASCIA UN COMMENTO