QUADROTTI DI AVENA E FARRO, SENZA UOVA E SENZA BURRO

Ok, fa caldo, si bolle, si soffoca. Ma io non rinuncio ad accendere il forno, soprattutto per prepararmi qualcosa per colazione. Perché, se è facile di questi tempi improvvisare un pranzo o una cena fresca con frutta e verdura di stagione, più difficile risulta rinunciare a una buona torta o a una crostata per colazione.

Continua a leggere

CAKE CON FARINA DI AVENA E FARRO

Questi fine settimana lunghi mi hanno rigenerato, forse fin troppo data la grande difficoltà a rientrare nei ritmi lavorativi. In questo periodo avere a che fare con numeri e fogli excel non è proprio il massimo, ma s’ha da fare.  Non ho fatto ponti e non sono andata molto lontano da casa, giusto una scampagnata per Pasqua; ma allungare anche solo di un giorno il week end mi è servito a recuperare un po’ di sonno e a godere delle colazioni lente e abbondanti, fatti di dolci fatti in casa, caffè bollente e chiacchiere a due; anche se lui non ama conversare appena sveglio, ma io lo faccio sempre e comunque e va a finire che vinco e riesco a farlo parlare. Continua a leggere

CIAMBELLA AL CAFFE’, CON FARINA DI FARRO E GRANO SARACENO

In molti sono a conoscenza del mio amore per il caffè. La mattina non inizia mai senza un buon caffellatte o un cappuccino. Dopo ogni pasto è d’obbligo un buon caffè e non mancano quelli a metà mattinata per ritrovare lo sprint giusto per affrontare il lavoro in ufficio. Il caffè fa parte della mia quotidianità, soprattutto delle mie mattinate! Purtroppo ci sono caffè buoni e caffè cattivi: quelli della moka di casa sono buoni, quelli del bar pasticceria preferito sono buoni, quelli di lavoro sono pessimi, per davvero, mandano in bestia lo stomaco;  quindi capita di prenderne di meno durante la giornata, anche se ne avrei molto molto bisogno. E’ così che con questa ciambella ho deciso di concedermi una dose maggiore di caffè alla mattina! Alla fine la regola poco ma buono compensa i caffè imbevibili del lavoro e io riesco a iniziare la giornata col piede giusto. Continua a leggere

CROSTATA RICOTTA E MASCARPONE

Era davvero da tanto tempo che volevo rifare questa crostata, sono ormai anni che mia mamma la prepara, variando ogni tanto le dosi del ripieno o la confettura. Lei spesso improvvisa, io per i dolci sono più precisa, mi lascio andare di più col salato. Ho spesso timore di sfornare un dolce mal lievitato o dalla consistenza sbagliata. Mi è successo raramente, ma riconosco che quelle poche volte che ho fallito avevo la luna storta o la testa altrove. Continua a leggere

TORTA SOFFICE ALL’ARANCIA SENZA GLUTINE

Eccolo, il nuovo anno. Cosa può mai cambiare tra il 31 e l’1? Siamo soliti in questo periodo fare bilanci e nuovi propositi per l’anno che verrà. Fino a qualche anno fa scandivo diversamente i miei anni, per me andavano da settembre a settembre, come la scuola, solo che a fine di questo periodo c’erano le vacanze, la fine degli esami e la fuga al mare, qualsiasi mare. E anche se adesso le mie vacanze sono molto più ridotte, tendo ancora un po’ a fare i conti con me stessa a fine agosto/inizio settembre, spesso di fronte al mare.

Continua a leggere

BRIOCHE A LIEVITAZIONE NATURALE ALLE MELE

A volte sento il bisogno di fermarmi, sia mentalmente che fisicamente. Sento il bisogno di prendermi tempo, di rallentare i pensieri che viaggiano sempre a velocità supersoniche. Quando, ad esempio, devo tornare indietro di una pagina del libro che sto leggendo perché nel frattempo i miei pensieri si sono distaccati dalla storia perdendo passaggi importanti; oppure quando lui parla e io ho la testa altrove e passo per quella che non ascolta…beh, in effetti è vero, a volte sento ma non ascolto, ma è più forte di me, domare i pensieri in certi giorni mi è davvero difficile. Incastrare gli impegni, cercare di rispettare un scaletta o una tabella di marcia, io ci provo ma il mio spirito spesso va controcorrente, perché la verità è che io sono quella che compra le agende e dopo poco non le usa più, fotografa la lista della spesa e poi non la segue, perché tanto mi ricordo tutto. La maggior parte delle volte è così,  ma nei giorni di maggior traffico mentale è come se la matita si fosse spuntata e non riuscissi ad aggiornare la to do list che ho in testa, costringendomi a improvvisazioni e a qualche sbadataggine qua e là. E’ qui che spesso mia madre mi ricorda quanto assomigli a mio padre: “figlia mia, per parecchie cose sei uguale a tua padre, avessi ripreso qualcosa da me!“. Della serie mater semper certa est, ma nel mio caso pure il pater.

Continua a leggere

TORTA DI MELE E CAROTE

L’autunno e’ la stagione piu’ dolce, e quello che perdiamo in fiori lo guadagniamo in frutti. – Cit. Samuel Butler

E se l’autunno è la stagione più dolce, di cui ogni anno mi innamoro per i suoi colori e per il suo spirito riflessivo, non potevo non celebrarlo con una torta di mele. Dopo i muffins ho deciso che non era ancora tempo di cambiare frutto. Dopotutto le mele si prestano così bene in cucina. E poi io adoro le torte di mele, tanto quanto gli arrosti della domenica e la pasta fatta in casa.

Continua a leggere

Muffins alle mele cotte

Nella vita ci vuole sempre un diversivo, qualcosa che rompa la monotonia o la fatica quotidiana. Questione di bilanciamento, di benessere, di stabilità. Ognuno sceglie i suoi svaghi, le sue evasioni. Per me un diversivo è svegliarsi la domenica mattina e fare il pane o un ciambellone; un diversivo è andare a fare una passeggiata tra gli ulivi sopra casa; un diversivo è scrivere sul blog; un diversivo è un aperitivo con la mia amica Fede; un diversivo è sentire Alessia la mattina prima di attaccare al lavoro; un diversivo è prendere un treno per Roma per incontrare Alessia, Luigi, Laura e Marco. Un diversivo è incontrarsi di nuovo a distanza di due settimane ed esserne felicissima.

Continua a leggere