Bagels parte seconda. La prima risale ad aprile di ben tre anni fa, quando cucinai i miei primi bagels a lievitazione naturale per una gita fuori porta (il post qui). Ve li riprongo per due motivi: il primo è che questa volta li ho preparati con lievito di birra. Non sono impazzita, semplicemente ho deciso di prepararli in ritardo e non avrei avuto il tempo di rinfrescare il mio licoli per poterlo utilizzare. Secondo, ho apportato delle modifiche alla ricetta: ho aggiunto l’uovo nell’impasto. Il risultato è stato ovviamente diverso, con una consistenza più morbida, quasi simile a dei buns. Anzi, non vi nego che forse forse, con questa ricetta i burger buns verrebbero proprio bene. Per questo mi sono chiesta se non dare un nuovo nome a questi anelli lievitati, chiamandoli appunto Bagel Buns.

Non sono sicura se la ricetta originale dei Bagels preveda o meno l’uovo nell’impasto, ma a questo punto poco importa. Il risultato mi è piaciuto e chiamarli Bagel Buns mi ha pure divertito. Mi ha divertito perchè, involontariamente ho preparato dei buns, avendo però in mente i bagels. Mi sono lasciata ispirare e trasportare dagli ingredienti. Una volta assaggiati mi sono resa conto della differenza di consistenza e sapore rispetto a quelli preparati precedentemente. Mi sono piaciuti talmente tanto che mi sono segnata subito le dosi e preso in mano la mia reflex. Al contempo, ho pensato anche alle possibili accuse per aver chiamato bagel, ciò che bagel non è. Perchè io sono come la maggior parte degli italiani, sono legata al nome delle cose (a tal proposito leggetevi il post Laura, di Ricette e Vicende, stupendo come tutto ciò che scrive e fotografa) e questo cambio di atteggiamento mi ha piacevolmente sorpreso. Forse questa quarantena un po’ mi ha cambiata per davvero. Devo anche ringraziare la mia amica Alessia, che mi ascolta e su/sopporta ormai da anni, per avermi sostenuta nella scelta di questo nome. Si merita la dedica di questo post, perchè quando ho sfornato i miei bagel buns ho pensato a quanto sarebbe stato bello condividerli insieme a lei.

Bagel Buns

  • Porzioni: 8 bagels grandi
  • Problema: media
  • Stampa
Se vorrete provare a preparare i burger buns, al punto 5 della ricetta fate riposare le palline 30 minuti – 1 ora e poi passare al punto 8.

ingredienti

  • 600g di farina debole (la mia con 10g di proteine) – 300g di acqua tiepida – 6g di lievito di birra fresco (oppure vedi note in fondo*) – 1 uovo – 1 tuorlo – 2 cucchiai di zucchero – 2 cucchiaini scarsi di sale Per guarnire – semi vari (sesamo, papavero, zucca) – 1 uovo o 1 albume

Istruzioni

  1. sciogliete il lievito nell’acqua. Unite anche un uovo e un tuorlo. Sbattete il composto. Questi sono gli ingredienti umidi.
  2. In una ciotola mescolate insieme la farina, lo zucchero e il sale. Unite poi i liquidi e cominciate a impastare (a mano o con la planetaria).
  3. Appena gli ingredienti si saranno messi insieme trasferite l’impasto sul piano di lavoro e impastate energicamente fino a formare una palla liscia e omogenea, creando delle belle pieghe. Trasferite in una ciotola pulita e lasciate riposare 10-15 minuti.
  4. Dopo il primo piccolo riposo, nella mezz’ora successiva effettuate delle pieghe di rinforzo ogni dieci minuti. Dopodiché coprite con la pellicola e lasciate riposare fino al raddoppio. Ci vorranno dalle due alle tre ore, in base alla temperatura ambiente e alla forza del lievito.
  5. Trascorso il tempo richiesto, sgonfiate l’impasto con un pugno al centro, trasferite il vostro impasto sul piano di lavoro e date una forma cilindrica. Tagliate 8 porzioni (o più) di impasto e formate con ognuna delle palline, ripiegando l’impasto su se stesso e sigillandolo al centro. Lasciate riposare dieci minuti coperte.
  6. Portate a ebollizione abbondante acqua salata. Prendete le vostre palline e create un bel buco nel mezzo: premete al centro con il pollice fino a trapassare l’impasto, con le dita cercate di uniformare il buco.
  7. Tuffate i bagels in acqua bollente e cuoceteli per poco meno di due minuti, girandoli spesso. Scolateli su carta assorbente.
  8. Spennellate la superficie con l’uovo sbattuto e immergete i vostri bagels in un piattino con abbondanti semi.
  9. trasferite i vostri Bagels in una teglia ricoperta di carta forno e infornate a 200°/220° per 20 minuti circa. Quando sono belli coloriti sono pronti.
  10. farciteli a piacimento. I bagels si possono anche congelare e scaldare in forno all’occorrenza a temperatura non troppo alta.
NOTE: se avete il lievito di birra secco attivo utilizzatene 3g-4g. Attenzione, se istantaneo non ci sarà bisogno di riattivazione e va aggiunto direttamente alla farina. Leggete le istruzioni contenute nella scatola o dietro la busta per capire quale tipologia di lievito avete. Se volete, invece, optare per la lievitazione naturale, potete usare 150g di licoli attivo oppure 200g di pasta madre attiva. In questo ultimo caso diminuite la farina a 530-550g e rimodulate i liquidi se necessario.
CategoriesFood

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.