P

Polpette di zucca e lenticchie rosse

Come già spiegato in un post precedente io ho l’abitudine di preparare una buona scorta di polpa di zucca già cotta da utilizzare nei giorni successivi come base per le mie ricette. Quella più frequente è sicuramente la crema di zucca alla Curcuma, ma oggi vi propongo un’altra alternativa che si prepara davvero in poco tempo (se si ha già a disposizione la polpa di zucca già cotta, altrimenti ci vorrà un po’ di più).

Sebbene la mia zucca preferita sia la Butternut, questa volta ho optato per un’ottima Delica (e una Hokkaido piccola). Devo dire che mi sto un po’ ricredendo: la Delica mi sta dando ottime soddisfazioni (qua la riprova) e la sua pastosità si sposa benissimo con questa preparazione.

Perché consiglio sempre di partire dalla polpa di zucca:
1. non serve ammattire a tagliare la polpa da cruda creando, inevitabilmente, degli scarti e, per qualcuno, rischiando pure di tagliarsi.
2. se la preparate in anticipo, per esempio la domenica, le preparazioni successive saranno più veloci e guadagnerete quindi tempo. Basta sbattere in forno la zucca tagliata a metà per 40 minuti (nel frattempo potrete dedicarvi a altro), poi, cucchiaio alla mano, estrarrete tutto con estrema facilità.

Sono ripetitiva lo so, ma è ancora un trucco poco diffuso e troppe volte vedo persone al supermercato comprare la polpa cruda già tagliata a pezzetti e confezionata in vaschette di plastica ricoperte da due giri di pellicola. Oltre alla riflessione sulla plastica, questa polpa già pronta farà la muffa entro due giorni (lo so perché l’ho sperimentato) e la resa, per il prezzo pagato, è davvero pochissima. E poi chissà quanti scarti avrà prodotto un taglio del genere. Ogni tanto può succedere di comprare la zucca così, io sono la prima che ammetto di averlo fatto. E appunto per questo ve la sconsiglio e vi invito a una maggiore organizzazione e a un acquisto più sostenibile.

Ma torniamo a noi, polpa di zucca e….lenticchie rosse. Ho scelto questo secondo ingrediente perché è un legume che si cuoce velocemente (furba io). Inizialmente avevo pensato a ceci o fagioli cannellini, ma non li avevo già cotti e avrei dovuto metterli a mollo la notte. Magari li userò la prossima volta. Liberissimi di sostituire le lenticchie rosse con i ceci, che secondo me si sposano benissimo con la zucca.

Al posto delle polpette potete anche creare dei burgers o mini-burgers, da servire in mezzo al pane insieme a spinacini e salsa aioli o altro a piacimento. Sono solo idee, ma il concetto di fondo è che è possibile variare le nostre preparazioni quotidianamente. La tavola non deve essere una noia. Se dovreste chiedermi se preferisco le polpette di carne al sugo di mamma o queste, vi risponderò le prime. Ma la nostra abitudine alimentare deve vertere su un equilibrio che necessariamente ha bisogno di preparazioni più sane. Sotto questo aspetto ho anche io alcuni piatti che durante il mese mi capita di replicare più spesso, ma cerco di variare o aggiungere qualcosa di nuovo a ricette già collaudate.

Polpette di zucca e lenticchie rosse

  • Porzioni: 4
  • Problema: facile
  • Stampa

ingredienti

  • 300g di polpa di zucca cotta al forno (per me Delica e Hokkaido)
  • 200g di lenticchie rosse decorticate
  • 1 cipolla media o 2 piccole
  • 4-5 foglie di salvia
  • noce moscata
  • 70-80g di provola dolce
  • 6 cucchiai di pangrattato fine + altro per la panatura
  • sale e pepe q.b.
  • olio evo q.b.

Istruzioni

  1. Tritate la cipolla e lasciatela imbiondire in padella con un po’ di olio evo.
  2. Unite le lenticchie decorticate e le foglie di salvia sminuzzate. Mescolate, poi unite un bicchiere e mezzo di acqua circa. Salate. Coprite e lasciate cuocere per una decina di minuti a fuoco medio mescolando di tanto in tanto e allungando con un po’ di acqua se necessario. Spegnete quando le lenticchie saranno morbide e asciutte, senza residui di acqua.
  3. Passate le lenticchie nel tritatutto e trasferite in una ciotola.
  4. Unite alle lenticchie la polpa di zucca e il formaggio grattugiato. Mescolate. Aggiungete il pan grattato un cucchiaio alla volta e mescolate nel frattempo per verificare la consistenza. Fermatevi quando otterrete un impasto morbido ma che sta insieme.
  5. Con l’aiuto di un cucchiaino prelevate una parte di impasto e arrotolatelo tra le mani formando delle polpette. Potete aiutarvi inumidendovi le mani. Passate le polpette nel pangrattato e adagiatele via via su una teglia.
  6. A questo punto potete deciderle se friggere le polpette in abbondante olio di semi o cuocerle in forno a 180° per 20-25 minuti. Da servire tiepide. Si conservano in frigo per 4 giorni.
CategoriesFood

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.