Il mio pollo alla cacciatora, a prova di scarpetta

Rientro a casa dopo una giornata di lavoro e appena varcata la soglia del mio condominio vengo invasa da un profumo buono, pieno, gustoso, che sa di nonna e di casa. Penso subito: “Qualcuno mangia bene stasera!”. Questo odore mi ha accompagnato fino al mio zerbino, ho aperto la porta e ho scoperto che quel profumo arrivava proprio dalla mia cucina. Una sorpresa. A tavola trovo la cena pronta, un bel piatto di pasta condita con il sughetto avanzato del mio pollo alla cacciatora.

(altro…)

Torta di mele (a caso) allo yogurt

Buon lunedì e buon inizio settimana. Torno su questi schermi con un’altra ricetta dolce, ma vi prometto che dal prossimo post parlerò anche di piatti salati. Oggi voglio parlarvi di questa torta preparata letteralmente a caso, dalla necessità di far fuori uno yogurt aperto, un rimasuglio di mandorle, qualche uovo e due mele. Non ho seguito alcuna ricetta, ho unito gli ingredieni come meglio credevo fino a ottenere una consistenza secondo me adatta ad accogliere le mele, sia all’interno che in superficie. Esperimento riuscito. Da un’idea quasi scontata è nata una torta light buona buona, non troppo dolce, “melosa” e umida. (altro…)

Torta di semolino con cocco e marmellata di arance di Yotam Ottolenghi

Nello scorso post vi avevo promesso una torta umida e agrumata da sballo. Seppur con i miei tempi, per me ogni promessa è debito. Eccola quindi arrivata, una torta di semolino con cocco e marmellata di arance…nell’impasto!. Si, avete capito bene. Mi sono innamorata subito di questa ricetta perchè: 1) è fatta col semolino, e io adoro le torte con questo ingrediente (vedi la torta la semolino di Pellegrino Artusi e la classica crostata di semolino fiorentina che prima o poi pubblicherò); 2) perchè c’è la marmellata di arance nell’impasto!!! e … 3): la ricetta è di Yotam Ottolenghi, e ho detto tutto. Tre cose che adoro tutte racchiuse in una torta! (altro…)

Torta di farina di mais e mandorle all’arancia

Manca una settimana alla fine di gennaio, ma a me pare sia passato molto più di un mese da Natale. Le settimane stanno passando lente, con la costante sensazione di star attendendo qualcosa per ripartire. Dopotutto, è ciò che mi ero prefissata subito dopo le feste (come scrivevo qua): rallentare la corsa e recuperare la concentrazione. Ed è ciò che sto facendo. A livello mentale la sto prendendo come una bella domenica invernale al mare. A livello fisico il mal di denti (ho messo l’apparecchio da poco) e le conseguenti restrizioni alimenari, mi hanno buttato un po’ giù di tono.

(altro…)