F

Focaccine furbe salva cena, cotte in padella

 

Faccio capolino su questi schermi dopo più di due mesi e torno con una ricetta che di estivo non ha nulla, o quasi. Ogni anno mi riprometto di pubblicare più piatti freschi, ma finisce sempre che non riesco come vorrei. La verità è che in estate tendo a rilassarmi, rallentando i tempi e concedendomi più tempo per me stessa. Le uniche volte in cui mi arrotolo ben bene le maniche in cucina è per un lievitato. In questo caso specifco la ricetta è nata da un’esigenza: avere sempre del pane in casa. Basta comprarlo tutte le mattine direte voi, ma io non ne ho il tempo e succede spesso di rientrare la sera a casa e di non averne! Quindi?! Preparo queste pseudo piadine/pite da tenere in freezer da scaldare due minuti prima di andare in tavola, direttamente in padella.

Con un impasto se ne preparano 8. Io raddoppio quasi sempre la dose per averne il più possibile. Anche perché, una volta preparate, due o tre vengono mangiate quasi subito, a mó di aperitivo! Calde e morbide, una volta assaggiate sono come la droga! Credetemi!

Bisogna spendersi un po’ nella preparazione, ma chi è già avvezzo ai lievitati troverà il tutto semplice e veloce. La cottura in padella può spaventare con questo caldo, ma ci vogliono davvero due minuti per focaccina! Dopo vi renderete conto che ne è valsa la pena!

Questa volta niente pasta madre, sto tornando a utilizzare il lievito secco, ma niente vi vieta di utilizzare metodi alternativi.

Buona settimana a tutti!

 

Focaccine furbe salva cena, cotte in padella

  • Porzioni: 4 persone
  • Problema: facile
  • Stampa

ingredienti

    Per 8 focaccine
  • 500g di farina Tipo1
  • 250ml di acqua
  • 6g di lievito di birra secco
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • Olio evo

Istruzioni

  1. In una ciotola fate sciogliere il lievito secco nell’acqua insieme al cucchiaino di zucchero. Lasciate riposare dieci minuti di modo che si attivi (se usate quello istantano sarà da aggiungere alla farina).
  2. Unite poi la farina mescolata al sale. Lavorate l’impasto per una decina di minuti (se procedete a mano, altrimenti la metà del tempo nella planetaria con la frusta a gancio).
  3. Formate una palla, ungetela d’olio e lasciate riposare coperta con la pellicola per alimenti (o un panno umido) fino al raddoppio.
  4. Sgonfiate la pasta, lavoratela velocemente e dividetela in otto porzioni.
  5. Date a ogni porzione la forma di una palla e lasciate riposare per una mezzoretta, coperte da un panno.
  6. Passato il tempo, schiacciate ogni palla con il palmo della mano, allargate l’impasto aiutandovi con della farina fino a formare delle focaccine. Ungetele in superficie.
  7. Scaldate una padella antiaderente, ungetela d’olio e cuocetevi le focaccine per due minuti per parte circa, stando attendi a non bruciarle. Ogni volta che cuocete una nuova focaccina, ungete nuovamente la padella se necessario. Le focaccine sono pronte per essere servite subito oppure potete congelarle e utilizzarle all’occorrenza. Basterà scaldarle nuovamente in padella o in forno per qualche minuto.

CategoriesSenza categoria
  1. emanuela says:

    Ciao Franci….
    Che piacere trovarti di nuovo qui..e che buone queste focaccine!!! le rifarò assolutamente…
    Io sono molto contenta in realtà che comunque nonostante il caldo tu, ma non solo, ti lasci maggiormente ispirare dal cuore, e dalla pancia, piuttosto che dalla ”moda” e quindi dal caldo=cibo fresco-leggero….
    E’ bello che tu condivida quello che in realtà tu cucini per te e quindi viva le focaccine, anche se non sono una insalata….
    Un bacio e a presto..
    Manu

    1. Ciao Emanuela!! Grazie!!! Io seguo sempre il cuore e la pancia, non è da me seguire le mode in cucina, faccio sempre quello che mi sento! Riconosco che pubblico il 10% di quello che cucino, un po’ per mancanza di tempo nell’immortalare come vorrei il piatto, un po’ per insicurezza! Ma se mi scrivi così forse dovrei buttarmi e pubblicare qualche post in più! ? un bacio!

  2. Rossella says:

    Uhhh ma queste sono per me!
    La tua “stagionalità” poi cade a fagiolo con la mia, anche io d’estate mi “ritrovo un po’ e ho voglia di impastare!!!
    Ti faccio sapere preeestoooo! ❤️

    1. Ciao Ross!! Io e la stagionalità abbiamo un rapporto particolare! D’estate non rinuncio mai ad accendere il forno e mettere le mani in pasta è la mia terapia preferita, capace di risolvere quelle giornate uggiose e malinconiche! Anche adesso che sono in ferie e non posso utilizzare la cucina, le mie mani soffrono nel non poter impastare niente! Ma visto che ho la tendinite forse qualche giorno di stacco mi farà bene!
      Ps: devo ancora provare il tuo impasto al grano saraceno! ?

  3. Cara Francesca ecco una ricetta che fa proprio per me, l’idea di averle pronte in freezer per una emergenza o semplicemente per organizzare un aperitivo al volo mi piace moltissimo oltre al fatto che dall’aspetto fanno voglia!
    Un abbraccio
    Pippi

    1. Ma certo che puoi! Data la stagione, se vuoi far lievitare tutto in giornata ti consiglio di utilizzare massimo mezzo cubetto. Più tempo vuoi riservare alla lievitazione, meno lievito devi usare! ? se decidi poi di congelarle, potrai nuovamente scaldarle in padella o in forno per pochissimi minuti! Buona giornata. Grazie di essere passata. Francesca

  4. Silvia says:

    Anch’io le faccio! Ma x fare prima metto il lievito in plvere x torte salate e del grana grattugiato. Sono ottime appena fatte e una parte va nel congelatore?

    1. Mai provato il lievito per torte salate (perché di torte salate ne ho fatte pochissime in vita mia), ma dato che l’ho comprato per errore adesso so che potrò utilizzarlo nelle mie prossime focaccine! Grazie!

  5. Always a beginner says:

    Ciao,
    Ho trovato per caso la tua ricette su Pinterest e volentieri vorrei prepararle anche per tenerle di scorta. Mi potresti dire i tempi di lievitazione? Prima di surgelare le fai lievitare una volta? Grazie per i tuoi preziosi consigli. S.

    1. Ciao S., grazie di essere passata, mi fa molto piacere. Per quel che riguarda i tempi di lievitazione questi dipendono sempre da più fattori: dall’umidità e dalla temperatura dell’ambiente, dalla farina e dalla quantità e tipologia di lievito utilizzati. Ho ripreparato queste focaccine giusto ieri e ti posso dire che ho lasciato lievitare l’impasto dentro il forno lontano da spifferi per 3 ore, l’impasto è triplicato. Poi sono passata alla pezzatura, ho creato le palline e lasciate lievitare coperte per un’altra ora prima di stenderle e cuocerle. Quindi in un pomeriggio fai tutto senza problemi. Spero di esserti stata utile. Se hai altre domande sono qua! Un caro saluto. Francesca

  6. manlio caldari says:

    In Alta valle del Tevere, Umbria, si fanno da sempre, è la famosa torta sul panaro. O testo. Vi consiglio di mangiarle calde con la nutella

  7. Elisa says:

    Ciao! complimenti hanno un aspetto super invitante!! Mi domandavo, siccome vorrei farle nel pomeriggio, ma non ho in casa la farina 1, potrei sostituirla con della Manitoba tipo 0 per lievitati? Se si, devo cambiare le dosi dell’acqua o del lievito? Grazie mille!

    1. Ciao Elisa, per il tipo di panificato che è la Manitoba è un po’ forte, sarebbe meglio una semplice 0. Ma non ci dovrebbero essere grandi controindicazioni. 4-6g di lievito vanno bene. Stai attenta a come lievita, essendo farina forte. Al raddoppio rilavora l’impasto e crea i singoli panetti. I grammi di liquidi vanno bene lo stesso. Solo nel caso in cui dovessi utilizzare delle farine integrali allora la dose di acqua è da rivedere in base al grado di assorbimento della farina utilizzata. Spero di esserti stata utile. 😉 Francesca

  8. Fulvia says:

    Ciao, sto provando per la prima volta a fare queste focaccine che sembrano gustosissime, una domanda, posso cuocerle in forno? E se sì puoi dirmi a quanti gradi? Grazie mille!

    1. Ciao Flavia, queste nello specifico non le ho mai cotte in forno ma penso che si possa fare senza problemi come per tanti altri impasti di questo genere. Scalda il forno al massimo, poi appena raggiunge la temperatura scendi a 200-220 gradi e inforna. 😉

  9. Lucia says:

    Ho provato a cuocerle in padella ma il risultato non mi è piaciuto. Allora ho acceso il forno al massimo, oltre all^olio ho messo su anche qualche chicco di sale grosso…risultato? IL TOP…e non solo…le ho congelate e il giorno dopo riscaldate in forno….risultato? IL TOP BIS…

  10. Veronica says:

    Ciao! Vorrei assolutamente provare questa ricetta! Ma ho un problema.. non ho la farina di tipo 1, in casa ho la 00, manitoba o tipo 2! Cosa posso usure? Cambia qualcosa? Grazie mille!

    1. Ciao Veronica! Va benissimo la farina 0. La Manitoba la lascerei per altre preparazioni, ma in futuro se avessi solo quella la puoi tranquillamente usare tenendo conto che lieviterà più velocemente. La farina 2 si potrebbe usare, perché no, ma dovresti aumentare un po’ la dose di acqua perché ha un grado di assorbimento dei liquidi maggiori. Ma visto che le hai tutte e tre, vai di 0! ?

    1. Si sì, va benissimo. Se dovessi vedere che l’impasto è troppo morbido aggiungine un cucchiaio. ? Essendo più raffinata assorbe meno i liquidi. Ma a volte le ho fatte con la farina 0, che è similissima alla 00!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.